Un angelo tra le nuvole


Vai ai contenuti

Strepitoso successo del Pane e Pomodoro

Gli articoli


FESTA DEL PANE E POMODORO, UN SUCCESSO STREPITOSO


E' stato un pienone. Una festa semplice, organizzata in maniera impeccabile, l'associazione "Un angelo tra le nuvole" non fallisce mai e il segreto è proprio questo grande impegno, questo fermento di idee e questa grande partecipazione di giovani.

Non sono stati spesi soldi pubblici, una quindicina di sponsor hanno contribuito a qualche spesa, un pane e pomodoro, un panino con la porchetta, una bibita, una fetta di cocomero fresco, ad un prezzo irrisorio. Una parte del ricavato sarà devoluto in beneficienza.

Ho visto bambini di tre anni “muevere la colita” da morire dal ridere, giovani che si sono esibiti con canzoni, brevi recitazioni, brava la coppia di cantanti (Gianmarco e la sua amica), ottima parte interpretativa di Gabriele e Gianmarco, senza nulla togliere alle altre ragazze.

Una spiritosa Simonetta (mia moglie) che in un abbigliamento succinto ma (per fortuna) coperto, ha cantato “Tutti ar mare” contornata da ragazzi con costumi da donne che erano lì per “mostra’ le chiappe chiare”. Attesissimo il mago Stefanclod, che come sempre ha stupito tutti con le sue illusioni ed ha chiuso la serata.

Un’organizzazione perfetta, da chi distribuiva cibi e bevande, agli animatori, agli operatori alla consolle, Dante e Sabina che non hanno sbagliato un colpo.

Particolarmente commovente è stato il pensiero rivolto a Franca Marucci, che il 17 agosto avrebbe dovuto festeggiare il suo compleanno, un pallone a forma di F è stato fatto volare in cielo.

Resta poco da dire, la gente vuole anche le cose semplici, non bisogna mai fare l’errore di sottovalutare manifestazioni come “Paesaggi di Suoni” che anche se non sono rivolti ai più sono sempre manifestazione di livello che richiamano molta gente da tutta Italia. Servono tutti e due: manifestazioni cult e manifestazioni popolari, sono due cose che non si scontrano, ma si completano.

Non voglio per forza fare una critica a questa “nuova” amministrazione, con qualche buona idea, un po’ di impegno, una buona collaborazione, si poteva realizzare qualche cosa, invece è stata pressoché immobile e questo non ci lascia ben sperare.

Luigi Pica


Torna ai contenuti | Torna al menu